Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico
Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio debutta il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera...[...]

Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero
Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero

Necessaria la pratica auto per richiedere la licenza comunitaria (foglio blu) fino ai 25 quintali[...]

Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi
Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi

Ecco le procedure valide per iscrivere il veicolo al REVE per cittadini con residenza all'estero o in Italia.[...]

Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto
Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto

È stato emanato un nuovo decreto dirigenziale che rimanda a una circolare ancora in fase di pubblicazione ma anticipa le novità per le imprese.[...]

Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156
Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156

La lunghezza massima ammessa per gli autoarticolati e gli autosnodati, la quale passa da 16,50 a 18,75 metri.[...]

previous arrow
next arrow

Revisione veicoli, tra proroghe e modifiche operative

Studio Venos / News: revisione veicoli

Abbiamo già trattato su un precedente articolo le varie proroghe dei documenti di circolazione, vogliamo però soffermarci maggiormente sulla proroga legata alla scadenza delle revisioni dei veicoli.

Il Regolamento (UE) 2020/698 ha infatti introdotto delle novità in ambito UE e quindi valevoli per tutti gli Stati membri. Questa normativa Europea, deve essere poi integrata con la normativa nazionale, che introduce delle scadenze solo per i veicoli immatricolati in Italia e che per la circolazione in ambito nazionale.

Il Ministero dell’Interno il 05 giugno 2020, con Circolare Prot. n. 300/A/3977/20/115/28 ha chiarito alcuni aspetti che potevano sembrare poco chiari. Di certo, uno di questi è relativo alla proroga al 31 ottobre 2020 delle revisioni. Ci si chiedeva “Ma se la mia auto ha la revisione scaduta da molto tempo può circolare oppure no?”

La risposta è sì! La circolazione è consentita per i veicoli immatricolati in Italia e limitatamente al territorio italiano.

Entriamo nel vivo della normativa UE

I veicoli con revisioni scadute nel periodo compreso tra il 1° febbraio 2020 e il 31 agosto 2020, possono circolare regolarmente in ambito UE per un periodo di sette mesi successivi alla scadenza.Per quanto riguarda i veicoli immatricolati in Italia e circolanti esclusivamente nel territorio italiano, e che dovevano essere sottoposti a revisione entro il 31 luglio 2020 sono autorizzati a circolare sino al 31 ottobre 2020. Questo vale (solo in ambito nazionale) anche per i veicoli che non erano stati sottoposti a revisione anche da molto tempo. Pertanto, relativamente ai veicoli immatricolati in Italia avremo le seguenti situazioni:

  • se la revisione è scaduta prima del mese di febbraio 2020, possono circolare sul solo territorio nazionale sino al 31 ottobre 2020 senza aver effettuato la revisione periodica o annuale;
  • se la revisione è scaduta nel mese di febbraio (29 febbraio 2020), possono circolare sul territorio nazionale sino al 31 ottobre 2020 e sul territorio degli altri Paesi dell’UE sino al 30 settembre 2020;
  • se la revisione scade nel periodo compreso tra il 31 marzo 2020 e il 31 agosto 2020, possono circolare sul territorio dei paesi dell’UE (compresa l’Italia) per i sette mesi successivi alla scadenza prevista dalle norme vigenti in Italia;
  • i veicoli appartenenti alle categorie L, O1 e O2, immatricolati in Italia, la cui revisione è scaduta o scadrà entro il 31 luglio 2020, possono circolare solo sul territorio nazionale fino al 31 ottobre 2020 senza aver effettuato la prevista revisione.

Le proroghe sopraindicate trovano applicazione con riguardo ai veicoli che devono effettuare la revisione o che siano già stati sottoposti a revisione con esito “ripetere” (a condizione che siano state sanate le irregolarità rilevate).

Da segnalare poi la breve “vita”, solo 19 giorni, della Circolare n. 14290 del 22.05.2020 emanata dal Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti. In essa erano contenute le nuove procedure per la revisione dei veicoli con massa complessiva superiore a 3.500 kg e degli autobus. Ora con altra Circolare, la n. 16151 del 10.06.2020, è stata “sospesa” con decorrenza immediata.

Ma qual’è l’effetto di questa sospensione?

Il primo ed immediato riguarda l’abolizione dell’allegato 1 alla circolare che era necessario consegnare all’atto della revisione.

Purtroppo però vengono abolite anche le varie “facilitazioni” previste per effettuare e richiedere le sedute.