Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico
Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio debutta il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera...[...]

Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero
Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero

Necessaria la pratica auto per richiedere la licenza comunitaria (foglio blu) fino ai 25 quintali[...]

Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi
Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi

Ecco le procedure valide per iscrivere il veicolo al REVE per cittadini con residenza all'estero o in Italia.[...]

Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto
Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto

È stato emanato un nuovo decreto dirigenziale che rimanda a una circolare ancora in fase di pubblicazione ma anticipa le novità per le imprese.[...]

Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156
Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156

La lunghezza massima ammessa per gli autoarticolati e gli autosnodati, la quale passa da 16,50 a 18,75 metri.[...]

previous arrow
next arrow

Dispositivi Mover installati su carovan – Circolare MIT29624 del 22/10/2020

news / Dispositivi Mover installati su carovan - Circolare MIT29624 del 22/10/2020

Il dispositivo mover è un sistema di manovra per caravan monoasse o a due assi che permette la movimentazione del veicolo quando questo è sganciato dalla sua motrice. Installato in after market tramite rulli a funzionamento elettrico, uno per ogni ruota del caravan, permette di parcheggiare con precisione e sicurezza il rimorchio. Può essere utilizzato solo in aree di sosta o zone chiuse ad una velocità che comunque non può essere superiore a 3÷5 km/h.

In seguito ai molti quesiti pervenuti al ministero dei trasporti sia da parte degli uffici provinciali della motorizzazione sia da parte di alcune associazioni di categoria lo stesso ministero con circolare n° 29624 del 22 ottobre 2020 ha ritenuto necessario dare indicazioni chiare sull’argomento.

In primo luogo il MIT ha ritenuto detto sistema parte del carico e di conseguenza non deve sporgere oltre la sagoma del veicolo e deve essere compreso nel carico utile e quindi nella sua massa complessiva.

In secondo luogo il MIT decretando che l’installazione del dispositivo non comporta modifiche tecniche e/o strutturali del veicolo può essere appunto installato sotto esclusiva responsabilità dell’utilizzatore del caravan senza la necessità di aggiornare la carta di circolazione dello stesso.

Infine il MIT chiarisce che in sede di revisione dovrà essere esibita al tecnico della motorizzazione la seguente documentazione:

  • Rispondenza alla direttiva 2006/42/CE (direttiva macchine).
  • Rispondenza al regolamento ECE 10 (compatibilità elettromagnetica).
  • Certificazione del costruttore attestante l’idoneità contro l’attivazione accidentale.
  • Dichiarazione di corretta installazione a perfetta regola d’arte rilasciata da un’impresa di autoriparazione.

Lo STUDIO VENOS mettendosi a disposizione per qualsiasi chiarimento o altra necessaria informazione riguardante anche il rinvenimento di detta documentazione invita tutti gli interessati a prendere atto di quanto sopra e a presentarsi alle revisioni dei caravan con tutta la documentazione necessaria.