Regolamenti ADR sul trasporto di merci pericolose: le novità per il 2023
Regolamenti ADR sul trasporto di merci pericolose: le novità per il 2023

Dal 1° gennaio ci saranno alcuni cambiamenti in merito al trasporto di merci pericolose, in particolare per quanto riguarda i soggetti...[...]

Nuove norme per il trasporto dei rifiuti in Austria a partire dal 01/01/2023
Nuove norme per il trasporto dei rifiuti in Austria a partire dal 01/01/2023

Il trasporto di rifiuti con un peso totale superiore a 10 ton. e con una determinata distanza dovrà essere effettuato su rotaia.[...]

Guida all’uso corretto del tachigrafo: iscriviti al corso che si terrà il 3 dicembre
Guida all’uso corretto del tachigrafo: iscriviti al corso che si terrà il 3 dicembre

Il tachigrafo è un dispositivo essenziale per ogni conducente di un veicolo commerciale. Con l'aiuto di questo dispositivo è possibile...[...]

Presso lo Studio Venos la tua pratica è assicurata
Presso lo Studio Venos la tua pratica è assicurata

Proteggi il tuo Documento di Identificazione Unificato del veicolo con un'assicurazione contro furto, smarrimento o danneggiamento.
(Servizio offerto senza costi aggiuntivi)[...]

Le aziende di autotrasporto devono pagare le quote entro il 31 dicembre 2022
Le aziende di autotrasporto devono pagare le quote entro il 31 dicembre 2022

per mantenere l'iscrizione all'Albo Nazionale degli autotrasportatori e al Registro Elettronico Nazionale (REN).[...]

previous arrow
next arrow

Funzionamento del cronotachigrafo da remoto: le novità sui controlli.

cronotachigrafo

Luglio 2024 è ancora lontano, ma già sono iniziate le prime sperimentazioni per la lettura in remoto dei dati relativi alle ore di guida del cronotachigrafo da parte degli organi di controllo. La notizia arriva dall’Olanda che ha installato degli appositi apparecchi, identificati con il nome di Dedicated Short Range Communication, che permettono di leggere a distanza se vi sono manomissioni del cronotachigrafo.
Nello specifico l’apparecchio sarà in grado di “captare” se il cronotachigrafo sia attivo e funzionante e se la scheda del conducente sia presente nell’apposito slot.

Nel caso i dati mettano in luce delle anomalie, il veicolo verrà fermato e quindi controllato. Infatti le sanzioni non possono essere elevate per il solo utilizzo di questo apparato di controllo ma devono emergere da un controllo più approfondito effettuato tramite lo scarico dei dati contenuti nella scheda conducente e nel cronotachigrafo. Quindi nessuna sanzione arriverà in automatico da “remoto” ma sempre a seguito di controllo da parte degli organi di controllo su strada.  

Un’importante evoluzione che la Comunità Europea vuole introdurre per evitare concorrenza sleale nel campo dell’autotrasporto e che sarà obbligatoria nei Paesi comunitari, appunto, da luglio 2024.

Ricordiamo che lo Studio Venos Srl offre un servizio di supporto e consulenza in merito allo scarico dati e verifica delle ore di guida.
Per maggiori informazioni clicca qui!