Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico
Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio debutta il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera...[...]

Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero
Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero

Necessaria la pratica auto per richiedere la licenza comunitaria (foglio blu) fino ai 25 quintali[...]

Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi
Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi

Ecco le procedure valide per iscrivere il veicolo al REVE per cittadini con residenza all'estero o in Italia.[...]

Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto
Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto

È stato emanato un nuovo decreto dirigenziale che rimanda a una circolare ancora in fase di pubblicazione ma anticipa le novità per le imprese.[...]

Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156
Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156

La lunghezza massima ammessa per gli autoarticolati e gli autosnodati, la quale passa da 16,50 a 18,75 metri.[...]

previous arrow
next arrow

Trasporti comunitari (UE): cambiano le regole


Con circolare del MIMS prot. 19023 del 09 agosto 2021, per effetto del Regolamento (CE) n. 2020/1055, si comunica che a decorrere dal 21 maggio 2022, le imprese che intendono effettuare trasporti internazionali di merci su strada con veicoli aventi una massa complessiva (compreso il rimorchio) superiore a 2,5 tonnellate, (vale a dire al di sopra dei 2.500 kg), devono essere in possesso della licenza Comunitaria, con relative copie conformi a bordo del veicolo.

Una novità normativa piuttosto importante che impatterà sicuramente nell’attività delle imprese di autotrasporto iscritte al REN ed all’Albo degli Autotrasportatori per l’esercizio della professione con veicoli da 2,5 ton a 3,5 ton.

Infatti queste imprese, dovranno essere in regola con l’accesso alla professione di cui al Reg. CE n. 1071/2009 vale a dire rispettare tutti i requisiti necessari per l’iscrizione al REN (Registro Elettronico Nazionale) tra i quali l’idoneità finanziaria (che è possibile richiedere tramite lo Studio Venos Srl) e l’idoneità professionale.

Di certo, il requisito che impatterà in modo importante sarà quello relativo all’idoneità professionale. Per entrare in possesso della licenza comunitaria l’impresa dovrà essere in possesso di attestato di capacità professionale internazionale. Tale attestato si ottiene esclusivamente con il superamento di un apposito esame da sostenere presso il capoluogo di regione ove il Gestore dei Trasporti risiede. Sarà possibile iscriversi all’esame direttamente, se in possesso almeno di un diploma di scuola media superiore, diversamente si dovrà frequentare un apposito corso di accesso alla professione della durata di 150 ore, autorizzato dal MIMS (per info: merci@studiovenos.it).

Le imprese iscritte con attestato rilasciato a seguito del corso di 74, senza aver sostenuto l’esame, dovranno adeguarsi per poter richiedere il rilascio della licenza comunitaria, documento necessario per effettuare i trasporti internazionali.


Trasporti internazionali

Lo Studio Venos Srl si occupa di gestire, per conto delle imprese di trasporto, tutte le formalità necessarie all’adeguamento necessario per i trasporti internazionali.

CLICCA QUI per visionare i servizi offerti per l’autotrasporto merci in conto terzi e conto proprio

Per info potete contattarci al seguente indirizzo mail: merci@studiovenos.it


Trasporto internazionale con veicoli 25 q.li- 35 q.li cambiano le regole