Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico
Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio debutta il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera...[...]

Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero
Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero

Necessaria la pratica auto per richiedere la licenza comunitaria (foglio blu) fino ai 25 quintali[...]

Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi
Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi

Ecco le procedure valide per iscrivere il veicolo al REVE per cittadini con residenza all'estero o in Italia.[...]

Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto
Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto

È stato emanato un nuovo decreto dirigenziale che rimanda a una circolare ancora in fase di pubblicazione ma anticipa le novità per le imprese.[...]

Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156
Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156

La lunghezza massima ammessa per gli autoarticolati e gli autosnodati, la quale passa da 16,50 a 18,75 metri.[...]

previous arrow
next arrow

“ATTENTION angles morts” – la segnaletica da conoscere e riconoscere

segnaletica angolo morto (o cieco)

È sempre più frequente incrociare veicoli pesanti di linea, soprattutto con targa estera, che hanno applicato ai lati e sul retro un adesivo giallo, nero con bordo rosso e la scritta “ATTENTION angles morts”. Una segnaletica tramite bollino adesivo che suscita in molti la curiosità, in parte generata dalla novità di un simbolo non conosciuto, in parte perché sono pochi i veicoli sui quali appare.

In realtà, l’introduzione dell’angolo cieco, che in Francia è obbligatorio già dal 1° gennaio 2021 su tutti i veicoli con massa complessiva superiore alle 3,5 ton, è un’informazione importante per la sicurezza di tutti gli utenti della strada, in particolar modo per ciclisti e pedoni. Il bollino adesivo “angles morts” indica un punto nel quale l’autista del mezzo ha la visibilità ostruita e quindi è impossibilitato a rilevare la presenza di una persona, di un velocipede, di un monopattino, di una moto ma anche di una vettura. Occorre quindi prestare molta attenzione ed evitare di sostare nei pressi di questo simbolo, in quanto può risultare molto pericoloso.      

Si ritiene che l’angolo morto (o cieco) sia la causa di diversi incidenti stradali, parecchi di questi con esiti mortali, per questo motivo dal 2022 tutte le vetture prodotte dovranno essere provviste di un apposito dispositivo che avvisi il conducente, tramite un segnale visivo e/o sonoro, qualora vi siano degli ostacoli o delle persone all’interno dell’angolo cieco. Le tecnologie di rilevazione hanno diversi nomi: blind spot detection, blind spot warning, side blind zone alert o side-view assist. 

L’adesivo previsto ora per i veicoli “pesanti”, vale a dire per quelli con massa complessiva superiore ai 35 quintali, è già ben conosciuto dagli autotrasportatori che effettuano trasporti internazionali perché, come abbiamo già scritto, in Francia l’applicazione del bollino è obbligatoria, pena una sanzione che può andare da un minimo di €90,00 ad un massimo di €700,00.

La presenza dell’adesivo sarà obbligatoria a partire dal 2022 anche per altri Paesi dell’Unione Europea come Austria e Germania.

Ovviamente l’applicazione della segnaletica con bollino adesivo deve rispettare determinate caratteristiche per il corretto posizionamento in altezza, in lunghezza, ecc.

Per ogni approfondimento potete consultare gli esperti dello Studio Venos Srl, che sapranno chiarire eventuali dubbi sull’argomento. Non esitate quindi a contattarci.