Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico
Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio debutta il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera...[...]

Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero
Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero

Necessaria la pratica auto per richiedere la licenza comunitaria (foglio blu) fino ai 25 quintali[...]

Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi
Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi

Ecco le procedure valide per iscrivere il veicolo al REVE per cittadini con residenza all'estero o in Italia.[...]

Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto
Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto

È stato emanato un nuovo decreto dirigenziale che rimanda a una circolare ancora in fase di pubblicazione ma anticipa le novità per le imprese.[...]

Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156
Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156

La lunghezza massima ammessa per gli autoarticolati e gli autosnodati, la quale passa da 16,50 a 18,75 metri.[...]

previous arrow
next arrow

Contestazione della velocità da tachigrafo digitale

Cronotachigrafo digitale

La normativa sul cronotachigrafo digitale è spesso complessa e articolata, anche in relazione alle varie autorità ed enti che sono interessati al controllo e alla regolamentazione del settore.

Di certo le norme che si susseguono fanno girare la testa ai poveri autotrasportatori ed agli autisti che leggono indicazioni che giungono da ogni parte. Oggi è l’Unione Europea che legifera in materia, domani è la norma nazionale, dopodomani il Ministero dei trasporti, poi quello dell’Interno ed aggiungiamo pure la Corte di Giustizia Europea. Proprio per la complessità dell’argomento lo Studio Venos è attivo nell’organizzazione dei corsi sul corretto utilizzo del cronotachigrafo digitale (se interessati ad iscrivervi potete inviare una mail a: merci@studiovenos.it).

Ultima novità in ordine di data (14 ottobre 2021) è quella emanata dal Ministero dell’Interno in riferimento alla contestazione delle violazioni di cui all’art. 142 del codice della strada, vale a dire i limiti di velocità.

Nella Circolare, il Ministero dell’Interno, si esprime in seguito ad una sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea che ha statuito il principio secondo cui “le autorità competenti di uno Stato membro possano imporre una sanzione al conducente di un veicolo o a un’impresa di trasporto per un’infrazione al regolamento n. 3821/85 commessa sul territorio di un altro Stato membro o di un paese terzo ma accertata sul suo territorio e che non abbia già dato luogo a una sanzione.”

Sul tema vi è discordanza tra le normative comunitarie e nazionali, per questo l’Interno, in attesa di chiarimenti, ha disposto che in attesa si concluda l’istruttoria della Commissione UE circa la compatibilità della disposizione nazionale con le norme comunitarie, la contestazione delle violazioni di cui all’art. 142 cds, accertate attraverso l’esame dei dati memorizzati sulla memoria di massa del dispositivo o sulla carta del conducente, deve limitarsi a quelle per le quali l’organo accertatore abbia la certezza che siano state commesse in territorio italiano. Vale a dire che non posso sanzionare l’autotrasportatore che nella memoria di massa ha registrato un superamento di velocità, se non sono certo che il superamento sia avvenuto nel territorio nazionale.

Si legge infatti che “tali violazioni possono essere contestate solo in relazione a condotte di guida di cui l’organo accertatore abbia avuto diretto riscontro o che siano riconducibili a poco tempo prima del controllo, tali che possano essere riferibili in modo certo ad uno specifico luogo” ed ancora “le stampe aggiuntive non possono essere utilizzate a fini probatori per l’accertamento delle violazioni, poiché tali stampe non rientrano tra quelle espressamente indicate nel regolamento (UE)165/2014”.

Per ulteriori informazioni invitiamo a contattare lo Studio Venos Srl, l’agenzia di pratiche auto e consulenze alla mobilità nelle province di Pordenone e Venezia.

Telefono 0434.536093 – merci@studiovenos.it