Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico
Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio debutta il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera...[...]

Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero
Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero

Necessaria la pratica auto per richiedere la licenza comunitaria (foglio blu) fino ai 25 quintali[...]

Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi
Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi

Ecco le procedure valide per iscrivere il veicolo al REVE per cittadini con residenza all'estero o in Italia.[...]

Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto
Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto

È stato emanato un nuovo decreto dirigenziale che rimanda a una circolare ancora in fase di pubblicazione ma anticipa le novità per le imprese.[...]

Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156
Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156

La lunghezza massima ammessa per gli autoarticolati e gli autosnodati, la quale passa da 16,50 a 18,75 metri.[...]

previous arrow
next arrow

Il metano non ti dà più una mano

Rifornimento metano

Eravamo abituati allo slogan “Il metano ti dà una mano” ma i recenti rincari fanno svanire quell’aiuto tanto pubblicizzato.

Automobilisti ed imprese di trasporto che utilizzano mezzi a metano e per i quali spesso sono stati fatti degli ingenti investimenti, si trovano ora con le spalle al muro costretti a spendere mediamente il 20% in più con picchi anche del 100% rispetto a qualche mese prima.
La scelta di acquistare un veicolo a metano era legata non solo ai risparmi ora vanificati, sul carburante, ma anche ad una visione “green” dei trasporti. L’Italia, tra l’altro, risulta il Paese con più mezzi a metano su strada di tutta Europa. Da gennaio ad agosto ne sono stati immatricolati oltre 24mila, una spinta verso una transizione ecologica che ora subirà una brusca frenata. 

Le cause di questo aumento sono molteplici anche se la principale pare sia legata alla forte richiesta a fronte di una diminuzione delle riserve europee.

Quali le possibili soluzioni? A quanto pare non ci sono soluzioni immediate, Federmetano sta proponendo al Governo di pensare ad una diminuzione dell’IVA sull’acquisto per ridurre il costo al consumatore finale. Non è dato sapere però se saranno soluzioni a breve termine.
Sta di fatto che il nostro Paese, che conta una cultura del metano piuttosto diffusa, ne pagherà letteralmente le spese. La speranza è quella di vedere i prezzi stabilizzarsi e non assistere ancora ad una crescita che peserebbe su trasporti e sulle famiglie.