Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico
Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio debutta il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera...[...]

Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero
Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero

Necessaria la pratica auto per richiedere la licenza comunitaria (foglio blu) fino ai 25 quintali[...]

Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi
Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi

Ecco le procedure valide per iscrivere il veicolo al REVE per cittadini con residenza all'estero o in Italia.[...]

Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto
Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto

È stato emanato un nuovo decreto dirigenziale che rimanda a una circolare ancora in fase di pubblicazione ma anticipa le novità per le imprese.[...]

Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156
Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156

La lunghezza massima ammessa per gli autoarticolati e gli autosnodati, la quale passa da 16,50 a 18,75 metri.[...]

previous arrow
next arrow

Revisione veicoli: dal 1° novembre gli aumenti

Revisione auto

Dal 1° novembre 2021, salvo ulteriori proroghe in extremis, saranno applicati gli aumenti alle tariffe di revisione per autovetture e altri veicoli che vengono effettuate presso i centri privati. Una disposizione del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili (MIMS) che porta gli attuali importi di € 45,00 a € 54,45. 

L’aumento è stato di € 9,95 stabilito con Decreto MIMS n.129 del 3 agosto 2021 a seguito dell’articolo 1, comma 705, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, il quale prevede che “Al fine di adeguare la tariffa relativa alla revisione dei veicoli a motore e dei loro rimorchi, di cui all’articolo 80 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, ai sensi del comma 12 del citato articolo 80, con proprio decreto, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, modifica la tariffa prevista dall’articolo 2, comma 1, del regolamento di cui al decreto del Ministro dei trasporti 2 agosto 2007, n. 161.”

Era quindi da 14 anni che la tariffa per le revisioni non veniva modificata. Ora con questo Decreto si avrà un aumento di € 9,95. Un aumento piuttosto significativo visto che si parla del 22% in più rispetto all’attuale tariffa per la revisione, vale a dire un aumento di circa l’1,5% per ogni anno a partire dal 2007.

Riteniamo utile però, al di là delle cifre, precisare che l’aumento non coinvolge tutte le revisioni o tutti i mezzi, bensì è riferito esclusivamente alle revisioni effettuate presso le “officine private autorizzate”. Quindi l’aumento non coinvolge i veicoli che si presentano a revisione presso le sedi della Motorizzazione Civile oppure nei centri privati ove la revisione viene effettuata da un ispettore della Motorizzazione. 

Risulta quindi evidente che l’aumento non coinvolge i “mezzi pesanti”, vale a dire i veicoli con massa complessiva superiore alle 3,5 ton oppure i veicoli per trasporto persone superiori ai 9 posti a sedere, in quanto questi veicoli hanno l’obbligo di essere revisionati da un tecnico della Motorizzazione e non possono rivolgersi ad un’officina privata autorizzata. 

Per qualsiasi info scrivere a: revisioni@studiovenos.it