Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico
Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio debutta il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera...[...]

Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero
Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero

Necessaria la pratica auto per richiedere la licenza comunitaria (foglio blu) fino ai 25 quintali[...]

Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi
Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi

Ecco le procedure valide per iscrivere il veicolo al REVE per cittadini con residenza all'estero o in Italia.[...]

Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto
Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto

È stato emanato un nuovo decreto dirigenziale che rimanda a una circolare ancora in fase di pubblicazione ma anticipa le novità per le imprese.[...]

Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156
Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156

La lunghezza massima ammessa per gli autoarticolati e gli autosnodati, la quale passa da 16,50 a 18,75 metri.[...]

previous arrow
next arrow

Europa libera tutti!

Camion in autostrada Studio Venos

“Tana libera tutti!” Così giocavamo da bambini nei cortili assolati d’estate.
Ora è l’Unione Europea che “libera tutti” in merito all’acceso al mercato “conto terzi”.

Proprio così, con il Reg. UE 2020/1055, che integra ed in parte modifica il Reg. UE 1071/2009, si riscrive l’autotrasporto europeo togliendo le barriere all’ingresso. Non è più necessario l’accesso al mercato, vale a dire: addio alle cosiddette “licenze di trasporto”.

Ora per esercitare l’attività di autotrasportatore è sufficiente possedere i requisiti legati all’accesso alla professione (idoneità finanziaria, onorabilità, professionalità e stabilimento) per salire a bordo del proprio mezzo, girare la chiave e via… ha inizio l’attività.
Una forte spinta verso l’apertura del mercato e della concorrenza nazionale, che si unisce a quella che arriva dall’estero. Non che questo renda più semplice l’attività dell’autotrasportatore che sempre più ha acquisito caratteristiche professionali importanti: basti pensare alle regole legate all’utilizzo del cronotachigrafo, la responsabilità nella corretta sistemazione del carico e molti altri aspetti che rendono qualificante questa attività. 

E’ innegabile che la preoccupazione da parte delle imprese di trasporto è tanta e non è legata all’apertura del mercato quanto alla legalità. Infatti l’eliminazione di barriere all’ingresso, cioè l’eliminazione dell’accesso al mercato voluta da questa liberalizzazione, richiede un forte controllo da parte dello Stato soprattutto in riferimento alla permanenza dei requisiti già citati di idoneità finanziaria, professionale, onorabilità e stabilimento. Se non vengono effettuati sistematici e periodici controlli, come previsto dalla norma, nei confronti delle imprese di trasporto, il rischio che dilaghi una concorrenza sleale è altissimo. Questo aspetto preoccupa molto le imprese di trasporto che lavorando nella legalità rispettano i tempi di guida, le comunicazioni di variazione all’Albo conto terzi e sono solerti nel rinnovare ed adeguare la propria idoneità finanziaria. 

Quindi ben venga la liberalizzazione, a patto che ci siano regole chiare e controlli che permettano di operare senza distorsioni del mercato… intanto “Europa libera tutti”! 

Per maggiori informazioni scrivici a merci@studiovenos.it