Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico
Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio debutta il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera...[...]

Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero
Veicoli da 35 quintali: dal 21 maggio, senza attestato non si circola all’estero

Necessaria la pratica auto per richiedere la licenza comunitaria (foglio blu) fino ai 25 quintali[...]

Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi
Pratiche auto: veicolo con targa estera, ecco come comportarsi

Ecco le procedure valide per iscrivere il veicolo al REVE per cittadini con residenza all'estero o in Italia.[...]

Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto
Nuove norme europee: come cambia l’autotrasporto

È stato emanato un nuovo decreto dirigenziale che rimanda a una circolare ancora in fase di pubblicazione ma anticipa le novità per le imprese.[...]

Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156
Trasporti eccezionali: novità per autoarticolati e autosnodati con la Legge n.156

La lunghezza massima ammessa per gli autoarticolati e gli autosnodati, la quale passa da 16,50 a 18,75 metri.[...]

previous arrow
next arrow

Trasporto rifiuti: debutta il Modello di Documento Unico

Trasporto rifiuti: Documento Unico

Dopo numerosi rinvii, il 1° luglio entra in vigore il “Modello di Documento Unico” ai sensi dell’art 230 c. 5, del D. lgs. 152/06 così come approvato nell’Allegato A della Delibera dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali n. 14 del 21 dicembre 2021.

Quali cambiamenti introduce il Documento Unico?

I rifiuti si generano dall’attività di pulizia manutentiva delle reti fognarie di qualsiasi tipologia e si considerano prodotti dal soggetto che svolge l’attività di pulizia manutentiva.
Questo comporta che il manutentore può raggruppare temporaneamente presso la sede legale/unità locale i rifiuti prodotti o conferirli direttamente in impianto.

I rifiuti interessati da questa normativa sono EER 200304 – fanghi delle fosse settiche – ed EER 200306 – rifiuti della pulizia delle fognature – e verranno gestiti attraverso il Documento Unico o con il classico formulario.

Il Documento Unico può essere usato dai diversi luoghi in cui viene effettuata la pulizia manutentiva, fino al raggruppamento temporaneo oppure direttamente in impianto autorizzato al trattamento o che ha effettuato la comunicazione in procedura semplificata.

Il formulario art. 193, D. Lgs. 152/06 deve essere usato per il trasporto dei rifiuti dal raggruppamento temporaneo all’impianto di destino finale.

In entrambi i casi deve esserci l’integrazione con il registro di carico e scarico.

Come va compilato il Documento Unico?

Così come previsto dalla Delibera n. 4 del 21 aprile 2022, dal 1° giugno al 30 giugno 2022, il modello è in fase di sperimentazione per testarne la funzionalità.

La numerazione unica di identificazione e la vidimazione del modello di formulario contenuto nell’allegato “A” alla deliberazione verranno apposte in modalità virtuale. Ciò avverrà mediante l’interconnessione applicativa del portale dell’Albo nazionale Gestori Ambientali con il servizio esposto dal sistema Vi.Vi.FIR, raggiungibile attraverso la rete delle Camere di Commercio.

Il Gestore dovrà preventivamente accreditarsi, secondo le regole in uso nel sistema Vi.Vi.FIR, per attivare l’interoperabilità applicativa anche sul nuovo modello di formulario contenuto nell’allegato “A” alla deliberazione n. 14 del 21 dicembre 2021.

Per qualsiasi dubbio o consulenza sul Trasporto Rifiuti contattaci al numero 0434 536093,
oppure scrivi ad ambiente@studiovenos.it