SISTEMA CARGOS. Gli adempimenti per il noleggio dei veicoli
SISTEMA CARGOS. Gli adempimenti per il noleggio dei veicoli

Il Sistema di Tracciamento dei Veicoli Concessi a Noleggio attivato per contrastare fenomeni legati al terrorismo. [...]

Pronti, partenza, via! Come far decollare la vostra attività di autotrasporto fino a 35 quintali.
Pronti, partenza, via! Come far decollare la vostra attività di autotrasporto fino a 35 quintali.

Aperte le iscrizioni del corso di formazione professionale organizzato da Studio Venos.[...]

Nazionalizzazione veicolo con targa estera
Nazionalizzazione veicolo con targa estera

Hai acquistato l'auto all'estero? Per poterla guidare legalmente in Italia va registrata e immatricolata.
Scopri come possiamo aiutarti![...]

Buone Feste! I nostri orari per le festività
Buone Feste! I nostri orari per le festività

Gli orari dei nostri uffici di Pordenone e Portogruaro subiranno delle variazioni per le festività. Scoprile in questo articolo. Buone Feste! [...]

Come prepararsi al calendario dei divieti del traffico veicolare nel 2023
Come prepararsi al calendario dei divieti del traffico veicolare nel 2023

Preparati per tempo alle interruzioni del traffico veicolare che si verificheranno durante le festività e i periodi feriali del 2023.[...]

previous arrow
next arrow

Credito d’imposta su gasolio per l’autotrasporto: ulteriori indicazioni dal Ministero

Autotrasporto Merci - Decreto Direttoriale 324 del 29 luglio 2022. Modalità di erogazione delle risorse di cui al D.L. 50/2022

Abbiamo già trattato in un recente articolo le disposizioni per richiedere il credito d’imposta sul gasolio per l’autotrasporto. Purtroppo ancora oggi non vi sono tutti gli elementi per inoltrare la domanda, si dovrà attendere che nel sito dell’Agenzia delle Dogane venga reso disponibile il programma che ci permetterà di gestire le istanze.
Tuttavia, con il Decreto Direttoriale 324 del 29 luglio 2022 (allegato), sono stati forniti ulteriori chiarimenti sulle modalità di erogazione delle risorse messe a disposizione dal D.L. 50/2022. La cifra a disposizione dell’autotrasporto è di circa 500 milioni di euro. Anzi, è meglio essere precisi dicendo che sono 496 milioni gli euro disponibili, è vero che arrotondare di “4” non è poi molto ma trattandosi di milioni… Questi soldi saranno utili per supportare le imprese in questa fase critica che vede l’aumento costante del prezzo dei carburanti.

Come prepararsi in attesa del programma?

Ciò che consigliamo agli autotrasportatori che volessero affidare la pratica di richiesta rimborso allo Studio Venos è quello di tenersi pronti con la documentazione da presentare. Infatti, appena ci sarà la possibilità di inviare le domande, ci sarà una finestra di soli 30 giorni per concludere la procedura. Una pratica amministrativa che deve quindi essere già preparata con cura antecedentemente. 

Quali dati verranno richiesti e chi potrà accedere?

Sarà necessario che quanto prima si procurino i seguenti dati:

– Targa dei veicoli
– Indicazione se gli stessi sono a noleggio oppure in proprietà (per proprietà di intende anche in leasing, usufrutto, patto di riservato dominio)
– Identificativo SDI della fattura 
– Tipo fattura (CARB, oppure NO CARB)
– Importo della fattura

Ricordiamo che si potrà accedere al contributo solo se iscritti presso l’Albo Conto Terzi degli Autotrasportatori con numero di Registro Elettronico Nazionale (REN) e per i veicoli in disponibilità aventi massa complessiva uguale o superiore a 7,5 tonnellate e con classe inquinante Euro 5 o superiore.

Modalità di erogazione del credito

L’importo che verrà assegnato a quanti ne hanno diritto e quindi rispettano le caratteristiche appena descritte, sarà nella misura del 28% della spesa sostenuta nel primo trimestre del 2022 per l’acquisto di gasolio per autotrazione, al netto dell’imposta sul valore aggiunto (IVA). Gli importi andranno dimostrati allegano le fatture di acquisto.
Da segnalare inoltre che l’importo riconosciuto del 28% può essere cumulato ad altri contributi o agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi. Vale a dire che il contributo può essere cumulabile, a patto però che la somma dei contributi o delle agevolazioni ottenute non superi la spesa sostenuta. Vale a dire che se ho speso 10.000,00 euro di carburante (IVA esclusa) ed ottengo un credito di imposta pari al 28%, quindi euro 2.800,00, potrò ottenere altre agevolazioni per un importo massimo di € 7.200,00. 

Rimaniamo quindi in attesa, per la presentazione delle domande, che sia attiva la piattaforma informatica dedicata presso il sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Solo quando la piattaforma sarà online la Direzione Generale per la sicurezza stradale e l’autotrasporto comunicherà la data di inizio delle richieste. 
Come già scritto, la possibilità di richiedere l’agevolazione sarà di soli 30 giorni, passato questo termine verrà chiuso il servizio telematico dell’Agenzia delle Dogane.  

Il credito d’imposta concesso sarà poi utilizzabile esclusivamente in compensazione, presentando il modello F24 unicamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.
Il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito d’impresa né della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive.

Essendo il mese di agosto periodo di ferie, consigliamo a quanti vogliano mettersi in contatto con noi per la gestione del servizio di credito dell’imposta sul gasolio per l’autotrasporto di verificare gli orari nel mese di agosto.

A fondo pagina potete visionare il video che l’ Agenzie delle Dogane e Monopoli (ADM) ha realizzato per illustrare le procedure di richiesta del credito.

Continuate a seguire il sito dello Studio Venos Srl le pratiche auto, passaggio di proprietà e rinnovo patente a Pordenone e Portogruaro (VE).

Per informazioni: merci@studiovenos.it