L’importanza dei corsi Cronotachigrafo per Conducenti Professionali
L’importanza dei corsi Cronotachigrafo per Conducenti Professionali

Nuovo corso in partenza da sabato 15 aprile 2023 a Pordenone, obbligatorio per gli autotrasportatori che operano in Europa.[...]

Bando EBILOG: chiedi allo Studio Venos come fare formazione finanziata
Bando EBILOG: chiedi allo Studio Venos come fare formazione finanziata

La dotazione del bando è di circa 10 milioni di euro, e prevede la copertura del 100% delle spese di formazione per le imprese.[...]

Agricoltura: trattori fermi. C’è l’obbligo della revisione ma non si può fare
Agricoltura: trattori fermi. C’è l’obbligo della revisione ma non si può fare

I trattori agricoli immatricolati entro il 31 dicembre 1983 hanno l'obbligo di circolare con revisione regolare.[...]

Come gestire il veicolo di una persona dopo la sua morte
Come gestire il veicolo di una persona dopo la sua morte

Il passaggio di proprietà di un'automobile intestata a una persona defunta può essere un processo complesso. Ecco i passaggi fondamentali da seguire.[...]

Decreto flussi per il reclutamento di autisti extracomunitari nell’autotrasporto
Decreto flussi per il reclutamento di autisti extracomunitari nell’autotrasporto

Scopri i documenti necessari per l'autista e i requisiti richiesti all'organizzazione [...]

previous arrow
next arrow

Funzionamento del cronotachigrafo da remoto: le novità sui controlli.

cronotachigrafo

Luglio 2024 è ancora lontano, ma già sono iniziate le prime sperimentazioni per la lettura in remoto dei dati relativi alle ore di guida del cronotachigrafo da parte degli organi di controllo. La notizia arriva dall’Olanda che ha installato degli appositi apparecchi, identificati con il nome di Dedicated Short Range Communication, che permettono di leggere a distanza se vi sono manomissioni del cronotachigrafo.
Nello specifico l’apparecchio sarà in grado di “captare” se il cronotachigrafo sia attivo e funzionante e se la scheda del conducente sia presente nell’apposito slot.

Nel caso i dati mettano in luce delle anomalie, il veicolo verrà fermato e quindi controllato. Infatti le sanzioni non possono essere elevate per il solo utilizzo di questo apparato di controllo ma devono emergere da un controllo più approfondito effettuato tramite lo scarico dei dati contenuti nella scheda conducente e nel cronotachigrafo. Quindi nessuna sanzione arriverà in automatico da “remoto” ma sempre a seguito di controllo da parte degli organi di controllo su strada.  

Un’importante evoluzione che la Comunità Europea vuole introdurre per evitare concorrenza sleale nel campo dell’autotrasporto e che sarà obbligatoria nei Paesi comunitari, appunto, da luglio 2024.

Ricordiamo che lo Studio Venos Srl offre un servizio di supporto e consulenza in merito allo scarico dati e verifica delle ore di guida.
Per maggiori informazioni clicca qui!