Trasporti eccezionali: cosa cambia con il Decreto Infrastrutture
Trasporti eccezionali: cosa cambia con il Decreto Infrastrutture

Con il Decreto Infrastrutture sono state apportate modifiche riguardanti i limiti di peso e di sagoma della merce...[...]

Novità! Immatricolazione macchine agricole anche per privati e aziende non agricole
Novità! Immatricolazione macchine agricole anche per privati e aziende non agricole

La disciplina di circolazione delle macchine agricole è stata modificata e presenta delle interessanti novità.[...]

Europa libera tutti!
Europa libera tutti!

Con il Reg. UE 2020/1055 si riscrive l'autotrasporto europeo togliendo le barriere all'ingresso. Nulla più ostacola l'accesso al mercato, vale a dire: addio alle cosiddette "licenze di trasporto". [...]

Distacco autista: modello di comunicazione preventiva
Distacco autista: modello di comunicazione preventiva

Emanata da Ministero del Lavoro e INPS la circolare che regolamenta la comunicazione di distacco dell'autista che effettua trasporti verso paesi comunitari. [...]

31 dicembre 2021: scadenza versamento quote albo autotrasporto
31 dicembre 2021: scadenza versamento quote albo autotrasporto

A fine anno scade il termine per il pagamento della quota di iscrizione all'Albo degli Autotrasportatori.
[...]

previous arrow
next arrow

Trasporto rifiuti transfrontaliero tra adempimenti e vantaggi

Camion dei rifiuti

“Siamo in un’epoca di transizione verso un’economia circolare dove i mercati sono sempre più internazionali e globali.

La Commissione Europea attraverso la COM(2020) 98 final ha messo in atto un nuovo piano d’azione per l’economia circolare proponendo una politica rafforzata in materia di rifiuti che punta alla riduzione della produzione di rifiuti, alla creazione di un mercato dell’unione efficiente per le materie prime secondarie e alla gestione delle esportazioni dei rifiuti dall’UE.

All’interno di questo scenario le restrizioni delle importazioni introdotte da alcuni paesi extra UE hanno dato una spinta all’industria del riciclaggio dando al mercato delle spedizioni transfrontaliere di rifiuti in ambito UE un effetto positivo in termini di competitività tra le imprese di autotrasporto, consentendo loro di muoversi in uno scenario nuovo e fornendo l’opportunità di specializzarsi all’interno del settore.

Le imprese italiane che intendono affacciarsi a questa nuova attività devono attenersi non solo alla disciplina italiana sul trasporto di rifiuti e relativa iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali, ma anche attenersi alle disposizioni previste dal Regolamento CE 1013/2006.

Una volta compresa la specializzazione necessaria per affrontare le spedizioni transfrontaliere di rifiuti è possibile affacciarsi a questa nuova possibilità di mercato occupando una posizione di assoluto rilievo.”

Dr.ssa Serena Grotto