Massa rimorchiabile sui bolli auto: va pagata oppure no?
Massa rimorchiabile sui bolli auto: va pagata oppure no?

In base alla normativa nazionale sulle tasse automobilistiche, è sufficiente che il veicolo riporti sulla carta di circolazione il valore [...]

Aperte le iscrizioni al corso di 150 ore per accedere all’esame di autotrasportatore
Aperte le iscrizioni al corso di 150 ore per accedere all’esame di autotrasportatore

I dettagli del corso Lo Studio Venos Srl organizza un corso di 150 ore utile per l’iscrizione all’esame di abilitazione [...]

Credito d’imposta gasolio per autotrazione veicoli conto proprio, ecco i contributi 2023
Credito d’imposta gasolio per autotrazione veicoli conto proprio, ecco i contributi 2023

Dal 11 settembre si potranno presentare le domande per il credito d’imposta relativamente agli acquisti di carburante avvenuti nel primo [...]

Credito d’imposta gasolio per autotrazione veicoli conto terzi, ecco i contributi 2023
Credito d’imposta gasolio per autotrazione veicoli conto terzi, ecco i contributi 2023

Dal 18 settembre si potranno presentare le domande per il credito d’imposta relativamente agli acquisti di carburante avvenuti nel secondo [...]

L’importanza di rivolgersi allo Studio Venos Srl per la gestione del sistema ruota dei veicoli
L’importanza di rivolgersi allo Studio Venos Srl per la gestione del sistema ruota dei veicoli

Lo Studio Venos Srl non è una semplice “agenzia di pratiche auto” ma negli anni si è specializzata nella consulenza [...]

previous arrow
next arrow

Agricoltura: trattori fermi. C’è l’obbligo della revisione ma non si può fare

Obbligo revisione mezzi agricoli

Ecco il paradosso: per la norma italiana i trattori agricoli immatricolati entro il 31 dicembre 1983 hanno l’obbligo di circolare con revisione regolare, questo quanto prevede il Decreto ministeriale MIPAAFT e Trasporti del 28 febbraio 2019 (e successive proroghe), ma la revisione non è possibile effettuarla perché mancano le modalità operative per procedere, vale a dire che mancano i Decreti attuativi.
La sostanza, però, è che diverse imprese agricole si trovano nell’impossibilità di utilizzare il loro mezzo perché dal 1° gennaio 2023 risulta irregolare, senza possibilità di metterlo in regola. 
Una tegola non da poco soprattutto per zone di campagna come quelle di Friuli Venezia Giulia e Veneto, con piccoli imprenditori agricoli e diversi privati che continuano a dipingere il nostro paesaggio coltivando i campi. 

Garantire la sicurezza stradale con i trattori agricoli: un must per ogni conducente

È del tutto evidente che i trattori agricoli sono una parte vitale dell’agricoltura e vengono utilizzati per trasportare merci da un luogo all’altro, ma anche e soprattutto per effettuare le lavorazioni nei campi.
I conducenti sanno che devono prendere le precauzioni necessarie per garantire la sicurezza stradale quando utilizzano i trattori agricoli sulle strade pubbliche. Se non si presta attenzione ci potranno essere gravi incidenti e persino delle vittime.
Per garantire la sicurezza di tutti sulle strade, è essenziale che tutti i conducenti comprendano l’importanza della sicurezza stradale quando si tratta di trattori agricoli, circolare in sicurezza però vuol dire anche avere i documenti in ordine e regolari ed in particolare accertarsi che il veicolo non sia stato immatricolato prima del 1983, perché risulterà con revisione scaduta.

Perchè non si può effettuare la revisione del trattore agricolo?

Il motivo dei mancati Decreti attuativi per effettuare le revisioni pare risiedere nelle prime parole dell’art. 111 del D.Lgs. 285/1992 (Nuovo Codice della Strada) che prevedono che per  “[…] garantire adeguati livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro e nella circolazione stradale, […] dispone la revisione obbligatoria delle macchine agricole soggette ad immatricolazione a norma dell’articolo 110“.
L’ostacolo ad oggi insormontabile, come è stato riferito in Parlamento dal Ministero dell’Agricoltura prima e dei Trasporti poi, è la verifica delle condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro del mezzo.

Sull’argomento ci sono state interrogazioni parlamentari, sono stati presentati emendamenti al recente “Millepriroghe” ma nulla di fatto non si è visto, né il Decreto attuativo per lo svolgimento delle revisioni, né una proroga dei termini per effettuarle.
E quindi? Tutti fermi!

La situazione è paradossale ma non per questo chi circola con i trattori agricoli privi di revisione può dormire sonni tranquilli. Non è solo un tema di sicurezza stradale e della circolazione, ma anche e soprattutto normativo. 

Quali sono i rischi della circolazione con revisione scaduta?

Quello che però più ci preoccupa come Studio di Consulenza Automobilistica è la scarsa conoscenza dei rischi che possono correre i proprietari dei trattori agricoli!

Già, se da un lato gli organi di controllo su strada, polizia, carabinieri, vigili urbani, ecc. possono multare la mancata revisione attraverso una sanzione amministrativa con pagamento di una somma da euro 87,00 a euro 344,00 senza il ritiro della Carta di Circolazione, diverso e più pericoloso è il profilo assicurativo che si verrebbe a creare a seguito di incidente.

Cosa posso fare?

Attenzione quindi, controllate sulla carta di circolazione del vostro trattore se lo stesso è immatricolato prima del 1° gennaio 1984 e siate consapevoli dei rischi legati alla circolazione stradale.

Per informazioni potete contattarci, valuteremo assieme quali siano le opportunità migliori per non incorrere in sanzioni e tutelarsi, evitando multe e situazioni spiacevoli.

Vi ricordiamo infine che contattando lo Studio Venos potere partecipare al corso di sicurezza stradale per trattori agricoli ai fini della sicurezza nei luoghi di lavoro.